ORARI: Lun CHIUSO / Mar-Sab 9-19:30

ORARI: Lun 15:30-19:30 / Mar-Sab 9-19:30

ORARI: Lun CHIUSO / Mar-Sab 9-19:30

Medicina Estetica-Artistica

Equilibrio per un risultato ottimale.

Medicina estetica-artistica

 -Dott. Merlin 

Lo sguardo è l’elemento primario del volto, rivela ogni stato d’animo, ma purtroppo anche il passare degli anni.


Cosmesi, make-up, trucco professionale e medicina estetica devono lavorare in sintonia per il risultato ottimale.

Per uno sguardo al top è indispensabile rivolgersi ad un team di specialisti. Non trattamenti chirurgici ma semplice acido ialuronico con tecniche all’avanguardia.


E’ fondamentale associare anche qualche trattamento di drenaggio e impacchi di erbe in cabina e utilizzare un make-up leggero ma preciso per esaltare il contorno occhi.

Intervista con il Dott. Merlin

1) Dott. Merlin, l'età tra i 40 e i 45 anni è un periodo critico per molte persone. Qual è l'incubo maggiore nell'invecchiamento del viso?


In effetti in questo periodo della vita il viso comincia ad invecchiare in modo diverso. Mentre sotto i 35 il problema maggiore è la comparsa della singola ruga, dopo i 40 anni il problema diventa sempre di più il cedimento o rilassamento della pelle.

Occorre una sinergia di trattamenti che comprenda la cosmetologia, l'estetica professionale e la medicina estetica avanzata.


2) Quale priorità deve avere il medico estetico quando cura una paziente over 40?


Un problema molto frequente nell'over 40-50 è il gonfiore, che deriva da un cambiamento metabolico e ormonale caratteristico del periodo.

Il gonfiore e quindi la ritenzione idrica può interessare tutto il corpo quindi gambe, girovita e quindi il viso. Occorre molta cautela e una mano delicata con riduzione delle iniezioni di ialuronico del viso per prevenire i gonfiori da eccesso di filler.

Lo ialuronico è in sintesi una gelatina d'acqua e tramite l'acqua idrata e ringiovanisce ma con il cambio di metabolismo dopo i 40-45 anni occorre cautela e un senso estetico più professionale.


3) Quindi ialuronico proibito dopo i 40-45 anni ?


Assolutamente no. Occorre solo più cautela e professionalità per evitare quei visi gonfi e rifatti che si vedono spesso in giro. Lo ialuronico è un presidio fondamentale in tutte le età ma è un errore pensare di risolvere il problema del cedimento gonfiando il viso. Anche se la paziente lo chiede, il medico professionale dovrebbe rifiutarsi di eccedere.


4) Quindi lei cosa propone per contrastare il cedimento della pelle del viso ?


Se con l'invecchiamento la pelle scende occorre semplicemente fare il contrario !

Oggi esistono delle meravigliose tecniche con i fili di sospensione che permettono di riposizionare verso l'alto il sottocutaneo della la pelle.

La guancia abbassata si risolleva, la linea del mento diventa più affilata, lo zigomo torna a sollevarsi senza nessun gonfiore e con risultato sempre naturale.



5) I fili sono tutti uguali ?


Le tecniche dei fili di sospensione stanno evolvendo molto rapidamente. Ci sono fili biorivitalizzanti che non hanno nessun effetto liftante, ci sono fili liftanti leggeri da utilizzare con semplici tecniche lineari con risultato spesso scarso e ci sono nuovi fili sottili ma performanti da utilizzare con tecniche avanzate a triangolo e con agganci particolari che danno risultati strabilianti. Con i fili più avanzati il risultato è sempre operatore-dipendente. Come sempre l'esperienza è un fattore fondamentale per il risultato migliore.


6) Occorre un intervento chirurgico?


Quali zone possono essere trattate? La tecnica è molto semplice e indolore con una semplice anestesia locale. Si possono trattare 5 zone :


  1. occhi
  2. zigomo
  3. guancia
  4. mento
  5. collo


Si può anche trattare una singola area a seduta, per un risultato progressivo e naturale.


7) Anche gli occhi possono essere trattati ?


Certamente. Il risultato è un occhio "a cerbiatto", bellissimo anche nelle persone più giovani, uno sguardo più aperto, che evidenzia la bellezza degli occhi.


Vedi i dettagli
Esaurito